Focus di 3/4 sulla parte frontale dell’ID Buzz. Volkswagen

Il lancio di ID. Buzz e ID. Buzz Cargo

Il lancio di ID. Buzz e ID. Buzz Cargo

Con l’ID. Buzz e l’ID. Buzz Cargo, la Volkswagen Veicoli Commerciali e la Volkswagen presentano uno dei veicoli più avanzati e sostenibili dei nostri tempi. Ispirandosi al T1, i due van a emissioni locali zero fanno sbarcare il design di una delle più grandi icone automobilistiche nell’era dell’elettromobilità. Si tratta infatti della prima gamma di van e furgoni a essere prodotta e consegnata ai Clienti con un bilancio di CO2 neutro. L’utilizzo di un’elevata percentuale di materiali riciclati e la rinuncia alla pelle per la realizzazione degli interni completano la strategia di sostenibilità della Volkswagen Veicoli Commerciali e della Volkswagen adottata per l’ID. Buzz e l’ID. Buzz Cargo.

Le versioni europee dell’ID. Buzz e dell’ID. Buzz Cargo saranno lanciate con una batteria da 77 kWh (capacità energetica lorda: 82 kWh), che alimenta un motore elettrico da 150 kW che agisce sull’asse posteriore. La sua potenza di ricarica con corrente alternata (AC) è pari a 11 kW. Collegando il veicolo ai connettori CCS delle colonnine per ricarica rapida a corrente continua (DC), la potenza di ricarica sale fino a 170 kW. In questo caso, la carica della batteria viene portata dal 5 all’80% in circa 30 minuti. In linea con tutti i modelli della famiglia ID. Volkswagen, dal punto di vista tecnico anche l’ID. Buzz e l’ID. Buzz Cargo si basano sulla piattaforma elettrica modulare MEB della Casa.

Un omaggio al T1: il trendsetter high-tech dalla storia memorabile

Zoom su ID. Buzz Cargo con focus sulla parte frontale e laterale

Nell’ID. Buzz e nell’ID. Buzz Cargo i principali trend automobilistici dei nostri tempi si fondono in una gamma di van e furgoni moderna e al contempo versatile: elettromobilità, interconnessione intelligente dei sistemi di assistenza e infotainment, aggiornamenti del software over-the-air e compatibilità con concetti di mobilità completamente nuovi. L’iconico design degli esterni costituisce la sintesi visiva di tutti questi parametri. "Una caratteristica del tutto peculiare dell’ID. Buzz è il suo lato espressivo e vicino alle persone", afferma Jozef Kabaň, Responsabile del Design Volkswagen. Sono poi le proporzioni a rendere unico l’ID. Buzz. La Volkswagen si rifà al modello divenuto un classico del passato: "Nel T1 il conducente era praticamente seduto sull’asse anteriore, dato che lo sbalzo anteriore era inesistente. È lo stesso con l’ID. Buzz, senza venire meno a nessuno degli attuali canoni imposti dalla sicurezza". In effetti, questa caratteristica è evidenziata dalla lunghezza complessiva compatta pari a 4.712 mm combinata a un passo relativamente lungo (2.988 mm). Già nella versione T1, ossia il primo Bulli, il design era al servizio della funzionalità. Form follows function: questa la massima fondamentale nella realizzazione delle automobili che si applica anche al design dell’ID. Buzz. Le forme nettamente espressive vanno a braccetto con una straordinaria aerodinamica: l’ID. Buzz raggiunge un valore cx di 0,285, mentre l’ID. Buzz Cargo di 0,29. In tal modo si riduce il consumo energetico e si aumenta l’autonomia.

ID. Buzz Cargo in primo piano. In secondo piano il retro dell’ID. Buzz
Primo piano sugli interni del modello ID. Buzz Volkswagen

Un ampio ambiente open space a disposizione dei viaggiatori

Il conducente e i passeggeri dell’ID. Buzz possono sperimentare l’atmosfera di un Bulli rivisitato, godendo di un ambiente interno dalla concezione open space. Come afferma Jozef Kabaň, "Si tratta di un veicolo caratterizzato da una progettazione interna molto logica e intuitiva, con numerose possibilità di sfruttamento dello spazio". Entrambe le versioni dell’ID. Buzz offrono infatti uno spazio particolarmente generoso: gli accoglienti interni in stile lounge della versione van possono ospitare comodamente cinque persone con i rispettivi bagagli (capacità fino a 1.121 litri). Oppure è possibile portare il volume di carico a 2.205 litri ribaltando la seconda fila di sedili. Sul medio periodo seguiranno inoltre una configurazione a sei e una a sette posti, oltre a una variante a passo lungo. Sono invece i tre posti a sedere anteriori (in alternativa ai due) e una paratia fissa fra l’abitacolo e il vano di carico da 3,9 m3 a contraddistinguere la configurazione dell’ID. Buzz Cargo, che è in grado di alloggiare due europallet.

L’intramontabile Bulli: fra miracolo economico, Woodstock e mobilità elettrica

I due modelli ID. Buzz non sono stati solo studiati fin nei minimi particolari, ma anche progettati con grande cura dei dettagli. Un piccolo esempio è rappresentato, fra l’altro, dalle linee stilizzate che caratterizzano i rivestimenti laterali e dei sedili del cinque posti: un elemento che richiama sia il T1 sia lo studio del Microbus, la leggendaria showcar che la Volkswagen presentò nel 2000 a Detroit. L’iconico design degli esterni e degli interni dell’ID. Buzz e dell’ID. Buzz Cargo da un lato sintetizza una lunga storia di uno dei modelli di maggior successo che nasce dal miracolo economico tedesco, passando per il festival americano di Woodstock, fino ad arrivare ai giorni nostri. Ma dall’altro diventa anche il primo veicolo d’Europa nel suo segmento a essere sviluppato su una piattaforma completamente elettrica, che avanza con il suo DNA singolare verso il futuro, all’insegna di una mobilità intelligente, innovativa e sostenibile.

Fiancata e lunotto dell’ID. Buzz di Volkswagen

Piattaforma elettrica modulare MEB: tecnologia chiave per la trasformazione elettrica del Gruppo

Con l’ID. Buzz, il Gruppo Volkswagen continua ad accelerare la sua trasformazione in produttore leader di veicoli puramente elettrici. Una delle tecnologie chiave di tale trasformazione è costituita dalla piattaforma elettrica modulare MEB. La prima piattaforma su larga scala per auto completamente elettriche sulla scena mondiale diventa infatti la base per i modelli e i segmenti più disparati di tutti i marchi. Attualmente già il 30% di tutti i veicoli elettrici del Gruppo si basa sulla MEB, ed entro il 2025 la percentuale è destinata a salire a oltre l’80%. Per la Volkswagen Veicoli Commerciali questo modello completamente elettrico rappresenta un tassello importante nella progressiva riduzione dell’impronta di carbonio dell’intera gamma di prodotti.

ID. Buzz di ¾ con vista sul lunotto e fiancata

Piattaforma elettrica modulare MEB: tecnologia chiave per la trasformazione elettrica del Gruppo

Con l’ID. Buzz, il Gruppo Volkswagen continua ad accelerare la sua trasformazione in produttore leader di veicoli puramente elettrici. Una delle tecnologie chiave di tale trasformazione è costituita dalla piattaforma elettrica modulare MEB. La prima piattaforma su larga scala per auto completamente elettriche sulla scena mondiale diventa infatti la base per i modelli e i segmenti più disparati di tutti i marchi. Attualmente già il 30% di tutti i veicoli elettrici del Gruppo si basa sulla MEB, ed entro il 2025 la percentuale è destinata a salire a oltre l’80%. Per la Volkswagen Veicoli Commerciali questo modello completamente elettrico rappresenta un tassello importante nella progressiva riduzione dell’impronta di carbonio dell’intera gamma di prodotti.

Made in Germany: alta qualità e mantenimento dei posti di lavoro

I nuovi modelli ID. Buzz e ID. Buzz Cargo vengono prodotti dalla Volkswagen Veicoli Commerciali nello stabilimento principale di Hannover. Dal 2022 lo stabilimento della Casa è uno dei più avanzati tecnologicamente per la produzione di veicoli completamente elettrici. Qui, in alcuni ambiti, il grado di automatizzazione raggiunto nella produzione dell’ID. Buzz sale fino al 90%. Parallelamente alla trasformazione dello stabilimento, a seguito dell’aggiornamento di molti profili professionali, anche il personale fa un grande passo verso il futuro: grazie alle misure di qualificazione adottate, i dipendenti possono infatti acquisire il know-how necessario per l’utilizzo del nuovo hardware e software dell’ID. Buzz e del Multivan a trazione ibrida plug-in, anch’esso prodotto ad Hannover.

E per la gran parte dei moduli di trazione elettrica dell’ID. Buzz vale lo stesso principio: vengono prodotti in Germania nel rispetto dei più elevati standard qualitativi, in questo caso dalla Volkswagen Group Components. La loro realizzazione è affidata agli stabilimenti dedicati di Kassel, Braunschweig, Salzgitter e Hannover. I moduli interessati includono il motore elettrico e il sistema batterie. Inoltre, l’ID. Buzz è il primo modello della famiglia ID. per cui la Volkswagen Group Components produce anche gli assali, che vengono realizzati in un padiglione dello stabilimento di Hannover-Barsinghausen adibito al montaggio e appositamente allestito, all’interno del quale trovano impiego 200 dipendenti. In futuro, la sede di Hannover si occuperà anche di produrre il sistema batterie dell’ID. Buzz, attualmente realizzato a Braunschweig. Già oggi, per l’ID. Buzz, la Volkswagen Group Components contribuisce per circa il 40% alla creazione di valore complessivo, ossia circa il 10% in più rispetto a quanto avviene per i modelli convenzionali.

La scintilla iniziale: il primo antesignano dell’ID. Buzz risale a 50 anni fa

Va detto che l’ID. Buzz non è il primo Bulli a trazione elettrica. Già 50 anni fa, in occasione del salone di Hannover, la Volkswagen presentò un T2 a propulsione elettrica dotato di motore posteriore. L’autonomia massima pari a 85 chilometri dimostrò, tuttavia, come la tecnologia delle batterie di questa piccola serie non fosse ancora idonea all’utilizzo. Ma fu allora, nel 1972, che nacque il sogno del Bulli a trazione puramente elettrica. E ora questo sogno diventa realtà.

Hannover/Wolfsburg, marzo 2022.

Totalmente elettrici: benvenuti ID. Buzz e ID. Buzz Cargo.

Tutto quanto occorre sapere su ID. Buzz e ID. Buzz Cargo

Con l’esclusiva newsletter ID. Buzz potrai ricevere tutte le informazioni più aggiornate, direttamente dal costruttore. Articoli, filmati e immagini che ti consentiranno di scoprire in che modo un’icona sia stata reinventata in versione completamente elettrica.

Disclaimer Volkswagen

  • Note legali generali sito Nel presente sito sono contenute informazioni puramente indicative dei veicoli illustrati. Invitiamo il Cliente a rivolgersi sempre ad Aziende della Rete per essere informato sulle caratteristiche e sul prezzo di ogni specifico veicolo validi al momento dell’acquisto - che sarà oggetto di singola trattativa - ed in particolare in relazione alla disponibilità del singolo veicolo o equipaggiamento al momento dell’ordine. Volkswagen Group Italia dichiara che le informazioni riportate su questo sito sono valide al momento della loro pubblicazione. Le caratteristiche tecniche, gli equipaggiamenti di base, gli optional, i tessuti, i colori, le immagini e le configurazioni sono soggetti a continue variazioni e pertanto potrebbero non essere disponibili al momento della produzione del veicolo. Per tutte le versioni dotate di serie con il Car-Net o We Connect vi invitiamo a consultare la sezione dedicata: https://www.volkswagen-veicolicommerciali.it/it/servizi-di-mobilita-e-connettivita/connettivita/car-net.html  Vi informiamo che a causa della ridotta disponibilità di un numero limitato di equipaggiamenti, alcune delle configurazioni da voi scelte potrebbero richiedere delle modifiche. Vi preghiamo di rivolgervi al vostro Concessionario Volkswagen Veicoli Commerciali di fiducia, che vi fornirà la migliore soluzione in merito agli equipaggiamenti scelti. Per maggiori dettagli in merito alle Promozioni offerte da Volkswagen Veicoli Commerciali vi invitiamo a consultare la sezione dedicata: https://promozioni.volkswagen-veicolicommerciali.it/app/local/promozioni Per prendere visione dei valori di consumo di carburante e di emissioni di CO₂ vi invitiamo ad utilizzare il configuratore di prodotto presente all'interno del sito al link https://www.volkswagen-veicolicommerciali.it/it/modelli.html
  • All’interno della sezione Dati Tecnici del configuratore di prodotto, la portata utile è calcolabile sottraendo la massa effettiva del veicolo della configurazione dalla massa complessiva ammessa; la massa degli eventuali passeggeri (escluso il conducente) deve essere detratta da tale valore. E’ responsabilità del conducente verificare, per la circolazione,  il rispetto della massa complessiva e dei limiti ammessi sugli assi del veicolo.